Torna a: Albedo

Il cuore nero dei papaveri. Versi in ricognizione radente

PDFStampaEmail
Prezzo:
Prezzo di vendita: 12,00 €
Descrizione

[...] Il vero peccato di Eva fu il rifiuto del sublime, che generò la miserrima prosaicità del mondo reale in cui siamo costretti a vivere.
La poesia, la poesia vera come quella che Amara sa regalarci, non è altro che il tentativo dell’essere umano di opporsi a questo rifiuto e di non accettare passivamente il nostro essere “umani, troppo umani”.
Sospetto fortemente che Adamo non abbia mai dimenticato Lilith e che ne sia ancora segretamente innamorato, e che Il Cuore Nero dei Papaveri sia, di Lilith, l’ultimo canto di dolore.
(Massimiliano Mannocchia)

 

Amara, pseudonimo di Sonia Tacchinardi, nasce a Genova nel 1958. La presenza del mare nella sua vita è stata determinante nella percezione del divenire umano e di quanto lo circonda: orizzonti mai davvero definiti e il mistero che congiunge ad altre terre invisibili, nel movimento perenne dell’acqua.
Fin dalle scuole elementari rimane colpita da quell’architettura miracolosa di parole che è la poesia. La studia e la legge con passione, finché nell’adolescenza inizia a comporre le sue prime poesie.
In età più matura, dopo un periodo di assenza dalla scrittura, approda sul web, frequentando Forum di Poesia e pubblicando con crescente assiduità e consapevolezza i suoi testi poetici. Lo pseudonimo di cui si serve per partecipare alla vita della Rete diviene da subito un secondo nome reale che rappresenta se stessa e le circostanze.
Con i suoi testi ha partecipato ad Antologie poetiche di vari editori italiani.
Questo è il suo primo libro.

 

 In copertina “Le Voile d’Isis” una foto di Toni Contiero